UNA CURA TUTTA TUTTA NATURALE E SENZA CONTROINDICAZIONI : “IL NEEM”


Seguici su: Pinterest

IL neem è una pianta che cresce in India; deve il suo nome alla dea Neemari, appartenente alla famiglia delle Meliacee. E’ famosa in tutto il mondo per le sue straordinarie proprietà e le sue molteplici applicazioni.

Si tratta di una pianta, impiegata da millenni per la sua attività antibioticaantibattericaantinfiammatoria e antiparassitaria.

semi sono ricchi di una varietà e concentrazione di sostanze con effetti medicamentosi, che sono, altresì presenti in diverse ma sempre elevate concentrazioni anche nelle altre parti dell’albero (foglie, corteccia, legno, radici, polpa dei frutti, fiori).

Il neem comunemente in vendita non è adatto ad un uso interno, non può dunque essere ingerito, ma può essere utilizzato per applicazioni esterne cosmetiche, sia su noi stessi che sugli animali o sulle piante

In commercio il neem si presenta sottoforma di polvere (molto fine, quasi impalpabile) o di olio (spremuto a freddo), in entrambi i casi la lavorazione è ottenuta in maniera tale da conservare tutte le proprietà della pianta.

In entrambi le versioni, l’odore può essere piuttosto pungente e risultare poco gradito, nonostante i benefici, e nei casi in cui tale odore non sia proprio tollerato si può addizionare un olio essenziale profumato (come limone, arancio o lavanda) che, oltre a correggere e donare una fragranza più piacevole, presta anche le sue proprietà anche questo da scegliere secondo le nostre esigenze ed al disturbo che si desidera curare o prevenire

L’olio di neem si usa sopratutto per l’ applicazione sulla pelle e risulta molto potente e concentrato tanto che è consigliabile aggiungere poche gocce in creme che fungono da vettore, preferibilmente biologiche e naturali o in oli vegetali puri e biologici più delicati, come l’olio di mandorle,di argan o di jojoba (più leggero)


La polvere di neem è invece molto indicata per creare maschere per capelli, si può utilizzare da sola o mescolate con altre altre erbe ayurvediche e dona una chioma folta, lucida e sana nel corso degli utilizzi, ma i risultati sono visibili già dai primissimi impacchi. Ha la funzione di rivitalizzare il bulbo pelifero, favorire la microcircolazione, equilibrare la produzione di sebo. Per questi motivi è indicato contro la dermatite seborroica del cuoio capelluto, la forfora grassa o secca e la caduta eccessiva dei capelli)

  • Proprietà e benefici dell’olio di neem

Il neem possiede proprietà antivirali, antibatteriche, antiparassitarie, antisettiche e antifungine, che rendono il suo utilizzo adatto non soltanto per la cura della nostra salute e della bellezza, ma anche per la salvaguardia di piante ed animali dagli attacchi da parte dei parassiti. 

Contiene principi attivi in grado di contrastare virus, batteri, funghi, ed in più è idratante, rigenerante, cicatrizzante, purificante, riequilibrante, efficace sulle più comuni affezioni dermatologiche; infatti può essere presente all’interno di preparazioni erboristiche e di cosmetici naturali come dentifrici, saponi, creme per la pelle e prodotti per la cute.

Il neem è indicato come trattamento di dermatiti, psioriasi, squamazione della cute, candida, pidocchi, repellente contro gli insetti. Inoltre ha un’azione antinfiamatoria pertanto è contenuto anche all’interno di dentifrici contro le affezioni gengivali (come la piorrea) e nel contempo elimina i batteri dell’alito cattivo.

Ed ancora è indicato sui nostri amici animali come antiparassitario.

E’ sicuro tanto sugli uomini come sugli animali, non ha nessuna controindicazione e costa pure poco, infatti: 100 g di polvere di neem € 5/6,00; l’olio di neem 100 ml € 14/15,00 circa e poichè ne basta un piccolo quantitativo alla volta durano a lungo.

CONTROINDICAZIONI DELL’OLIO DI NEEM

Sconsigliato l’uso in caso di ipersensibilità a uno o più componenti. In gravidanza è in studio la possibilità di aborto in caso di uso prolungato di neem per via interna. Le foglie per fare il tè non devono essere utilizzate da donne incinte o che cercano di concepire. Nei bambini sono possibili danni al fegato in caso di massiccio uso di questa sostanza.

Qualcuno di voi lo ha provato? Raccontateci la vostra esperienza

Al prossimo post

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Le informazioni diffuse dal sito non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni e alle indicazioni dei professionisti della salute che hanno in cura il lettore, l’articolo è solo a scopo informativo.

Seguici su: Pinterest

CONTINUA A LEGGERE >>

_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere



Source link

  • Add Your Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: