MUMMIE ALIENE DI NAZCA (PERU’): Svelata la misteriosa origine del DNA della Mummia “Maria”. Scoperti altri 17 corpi mummificati di origine rettiliana!!


Gli scienziati certificano che le controverse mummie trovate quest’anno nella cittadella che si trova a Cusco vicino Nazca non sono artificiali e tutte le indicazioni sono che “sono di origine extraterrestre”, quindi non appartengono anessuna specie conosciuta fino ad oggi sulla Terra.

Le mummie sono state scoperte in una grotta che si trova nel distretto di Changuilla, uno dei cinque distretti della provincia di Nazca in Perù esattamente nella regione di Ica, e questa scoperta ha aperto un dibattito molto acceso tra gli scienziati  e archeologi di tutto il mondo. E il fatto è che il modo in cui questi esemplari essiccati, mummificati sono stati trovati da alcuni huaqueros in una remota grotta nel deserto peruviano, non era corretto a causa del contesto in cui sono state fatte, sia la scoperta che la sua successiva manipolazione. In effetti, gli autri di questa scoperta non hanno ancora rivelato la posizione esatta del luogo in cui sono stati trovati i corpi, ma ovviamente lo hanno fatto e continuano a farlo per via di evitare dei saccheggi da parte di estranei e soprattutto di qualcuno al soldo del governo che vuole mettere tutto a tacere. E inoltre, questi corpi sono così strani e incitanti che più avanzano nelle indagini, più i risultati sono inconcludenti, generando incertezza e confusione.

Immagine correlata
Mummia “Maria”

In questa prima scoperta sono stati trovati cinque esseri, di caratteristiche diverse e presumibilmente di diverse specie, alcuni più simili tra loro, con statura molto piccola e caratteristiche simili ai rettili e ad altri corpi, più alti e simili all’essere umano. Tutti loro sono umanoidi. E durante l’indagine nelle grotte di Changuilla è stata fatta una seconda scoperta, ovvero quella di circa 17 mummie che possiedono similitudini ai rettili, oltre alle mani amputate e parti anatomiche essicate, soo state rovate una moltitudine di oggetti, strumenti e attrezzature.

A Montserrat (Barcellona) nel mese di Settembre 2017 si è assistito al ” World Congress of Ufology” a settembre, dove Jaime Maussan ha presentato nella conferenza i primi risultati scientifici  sullo studio dei corpi delle mummie. I ricercatori ed esperti di UFO che hanno partecipato ne sono rimasti particolarmente colpiti, perché, nonostante fosse stata una “cattiva partenza” in questa indagine, nel momento in cui Maussan ha accettato di far parte del team di ricerca, il caso è stato canalizzato per condurre un’indagine chiara e seria e meticolosa.  Maussan ha presentato una moltitudine di prove scientifiche, documenti, studi di professionisti con “nome e faccia” esposta davanti al pubblico; ma soprattutto, si è rimasti affascinati dalla forza trasmessa da Maussan con la sua testimonianza.

Risultati immagini per MOMIAS DE NAZCA

Il ricercatore Edson Vivanco, un noto medico ed esperto di ortopedia, fa parte del gruppo di ricerca che lavora per chiarire l’origine di questi corpi con teschi allungati, busti stretti e arti con tre dita ciascuno, che sarebbero antichi di circa 1700 anni.
Sono già stati effettuati alcuni test del DNA che hanno decretato che le mummie erano al 100% “non umane”. Tuttavia, altri campioni non sono riusciti a determinare la provenienza del gene. Sulla base di ciò, la comunità scientifica peruviana giustifica il tutto come “riproduzioni montate con pezzi di cadaveri umani.”

Immagine correlata

la grotta dove sono stati ritrovati i corpi delle mummie aliene

Ma mesi dopo essere state effettuate analisi presso laboratori autonomi in tutto il mondo, un secondo scienziato ha studiato i corpi scoperti in Perù e ha affermato che non sono HOAX (falsi).

La dottoressa Inés Clara Martínez, insegnante di scuola secondaria di biologia chimica, chimica sperimentale e biochimica, che lavora per il governo dello stato di Ginevra (Svizzera), fa parte del gruppo di ricerca. Dopo i risultati delle prime sequenze di DNA di Maria (la mummia umanoide) e altri campioni, ha dovuto difendersi dalle accuse dello stato peruviano, che accusa lei e il resto della squadra di scienziati  di gestire in maniera autonoma tutti i test sulle Mummie. Nei video sotto, la Dott.sa Martinez riassume in modo pedagogico come vengono ottenuti questi dati e come vengono raccolti. E a sua volta finisce per difendersi dalle accuse contro di lei, sostenendo la sua etica morale, oltre alla sua laurea e alla sua esperienza professionale.

Anche se scettico all’inizio, imponendo il suo pensiero di “uomo di scienza” il Dr. Edson Vivanco ora ribadisce la sua posizione in merito alla veridicità delle prove: “Penso che siano reali questi corpi, ma è la mia opinione personale.”.

A cura della Redazione Segnidalcielo



Source link

  • Add Your Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: