Migliaia di scienziati avvertono che l’Umanità sta andando verso la “distruzione”


Non meno di quindicimila scienziati provenienti da tutto il mondo, inclusi molti vincitori del Premio Nobel, hanno firmato una lettera aperta che l’Umanità sta seminando i semi della propria distruzione. La lettera è effettivamente un aggiornamento del famoso avvertimento della Union of Concerned Scientists che fu scritto nel 1992. Nella lettera originale, molti scienziati rinomati hanno avvertito il  grande pubblico che l’attività umana sta spingendo il pianeta nell’ormai già annunciato Punto di non Ritorno e che se le cose non verranno migliorate entro una certa data, l’umanità potrebbe essenzialmente diventare architetto della propria distruzione.

Immagine correlata

Nel 1992, questi scienziati avvertirono che il buco dell’ozono doveva essere stabilizzato al più presto. La nuova lettera riconosce che questo è stato realmente raggiunto. Tuttavia, tutte le altre preoccupazioni elencate dagli scienziati nella lettera originale, sono solo peggiorate nel corso degli anni. Gli scienziati sottolineano che la quantità di acqua dolce per persona della popolazione umana è diminuita del 26% negli ultimi venticinque anni.

Risultati immagini per THIS IS HOW IT ENDS: THOUSANDS OF SCIENTISTS SIGN 'WARNING TO HUMANITY' LETTER

Se i leader mondiali non rispettano l’avviso, questa volta, i processi che porteranno alla distruzione di questo mondo potrebbero risultare irreversibili”

C’è stato anche un aumento astronomico del numero di zone morte oceaniche dove poche forme di vita possono prosperare a causa dell’inquinamento dilagante e della fame di ossigeno. Anche la deforestazione è in vigore dalla data della lettera originale, ovvero dal 1992, sono stati tagliati altri 300 milioni di acri di bosco, principalmente per lasciare spazio alle nuove terre agricole.

UNA RICETTA PER LA CATASTROFE

Hanno anche sottolineato che, nonostante la stabilizzazione dello strato di ozono, che gli altri sintomi del cambiamento climatico hanno continuato senza sosta e sembrano aumentare di anno in anno. Inoltre, mentre la popolazione umana è aumentata del 35% negli ultimi venticinque anni, la popolazione di mammiferi, rettili, uccelli e pesci è diminuita del 29%. Per gli scienziati, questi fattori sono indiscutibilmente una ricetta per la catastrofe e l’umanità deve prendere atto prima che diventi troppo tardi.

Risultati immagini per THIS IS HOW IT ENDS: THOUSANDS OF SCIENTISTS SIGN 'WARNING TO HUMANITY' LETTER

I LEADER MONDIALI DEVONO RISPETTARE L’AVVERTIMENTO DELLA SCIENZA

Secondo l’ecologo statunitense, il professor William Ripple, con sede all’Oregon State University, responsabile della scrittura e della distribuzione della lettera firmata, “l’Umanità sta ora ricevendo un secondo avviso: stiamo compromettendo il nostro futuro senza nessun beneficio per le future generazioni. La continua crescita della popolazione è come un pilota primario dietro molte minacce ecologiche e anche sociali”. Il professor Ripple ha continuato:” Non avendo limitato adeguatamente la crescita della popolazione, bisogna rivalutare il ruolo di un’economia radicata nella crescita, ridurre i gas a effetto serra , incentivare l’energia rinnovabile, proteggere l’habitat, ripristinare gli ecosistemi, limitare l’inquinamento.

Risultati immagini per THIS IS HOW IT ENDS: THOUSANDS OF SCIENTISTS SIGN 'WARNING TO HUMANITY' LETTER

Il professor Ripple ha dichiarato: “Coloro che hanno firmato questo secondo avvertimento non sollevano solo un falso allarme, riconoscono i segni evidenti che stiamo affrontando un percorso insostenibile”. Questa volta, dice, spera che il mondo prenda nota di questi spaventosi avvertimenti: “Speriamo che il nostro documento accenda un diffuso dibattito pubblico sull’ambiente e il clima globale”, ha detto Ripple. Se i leader mondiali non rispettano l’avviso, questa volta, i processi che porteranno alla distruzione di questo mondo potrebbero risultare irreversibili.

A cura della Redazione Segnidalcielo



Source link

  • Add Your Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: