Medici bloccano e riducono diabete di tipo 2 con l’alimentazione corretta, pazienti stupefatti


Seguici su: Pinterest


Il diabete di tipo 2 non è necessariamente “a vita”: con una nuova sperimentazione clinica che fornisce alcune delle prove più chiare che la condizione può essere invertita, anche nei pazienti che hanno riportato la malattia per diversi anni. Uno studio clinico che ha coinvolto circa 300 persone nel Regno Unito ha trovato un programma di gestione intensiva del peso che ha posto il diabete di tipo 2 in remissione per l’86% dei pazienti che hanno perso 15 chilogrammi (33 libbre) o più.

“Questi risultati sono molto eccitanti”dice il ricercatore del diabete Roy Taylordell’Università di Newcastle. “Potrebbero rivoluzionare il modo in cui viene trattato il diabete di tipo 2″. Taylor e colleghi ricercatori hanno studiato 298 adulti di età compresa tra i 20 e i 65 anni ai quali era stato diagnosticato il diabete di tipo 2 nei precedenti sei anni per prendere parte al Diabetes Remission Clinical Trial (DiRECT). Ai partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a un programma di gestione intensiva del peso con una regolare assistenza diabetica somministrata dal loro medico di base, in qualità di gruppo di controllo.

Per i 149 soggetti inseriti nel programma di gestione del peso, i partecipanti dovevano limitarsi a una dieta a basso contenuto calorico composta da cose come frullati di salute e zuppe, limitandoli a consumare 825-853 calorie al giorno per un periodo da tre a cinque mesi. Dopo questo, il cibo è stato reintrodotto nella loro dieta lentamente per 2-8 settimane e ai partecipanti è stato dato supporto per mantenere la loro perdita di peso, inclusa la terapia cognitivo comportamentale e l’aiuto su come aumentare il loro livello di attività fisica.

Forse non è un cambiamento di stile di vita facile da adattare; ma dove c’è una volontà, c’è un modo. “Abbiamo scoperto che le persone erano davvero interessate a questo approccio – quasi un terzo di coloro a cui è stato chiesto di prendere parte allo studio concordato”, afferma il nutrizionista Mike Lean dell’Università di Glasgow.

“Questo è molto più alto dei normali tassi di accettazione per gli studi clinici sul diabete.” Per la maggior parte delle persone disposte a fare sacrifici, lo sforzo – basato sui risultati del primo anno, riportato questa settimana – ne è valso la pena.

Quasi il 90 percento di coloro che hanno perso 15 chilogrammi (33 libbre) o più, ha invertito con successo il diabete di tipo 2. Più della metà (57%) di quelli che hanno perso da 10 a 15 chilogrammi (da 22 a 33 libbre) ha raggiunto anche la remissione.

Per coloro che hanno perso meno peso – tra 5 e 10 chilogrammi (da 11 a 22 libbre) – l’inversione ha funzionato ancora per più di un terzo (34 percento) di partecipanti. Quando si considera che il gruppo di controllo che riceve la gestione standard delle cure diabetiche ha visto solo un tasso di remissione del 4%, è chiaro che una strategia di perdita di peso interventista è una forte scommessa per i pazienti diabetici di tipo 2 che vogliono invertire la loro condizione.

Nello studio, la perdita di peso media nel gruppo di controllo del peso era di 10 chilogrammi – mentre i partecipanti al gruppo di controllo hanno perso solo 1 chilogrammo. Quasi un quarto degli individui nel programma di gestione del peso ha raggiunto una perdita di peso di 15 chilogrammi o più di 12 mesi, rispetto a nessuno dei controlli. Vale la pena notare che la stragrande maggioranza dei partecipanti erano bianchi e britannici, quindi dovremmo essere cauti nell’assumere che persone di altre origini vedrebbero gli stessi benefici da questo tipo di intervento.

Ciononostante, i ricercatori dicono che i loro risultati mostrano che l’intervento dietetico da solo potrebbe aiutarci a rivoluzionare il modo in cui pensiamo al diabete di tipo 2 e al suo trattamento, poiché chiaramente non è la condizione cronica per tutta la vita che gli scienziati una volta presumevano fosse.

Ovviamente, l’inversione non è permanente se le persone ritornano poi a modi di mangiare malsani – che nella maggior parte dei casi avrebbero contribuito alla diagnosi di tipo 2 in primo luogo. Mentre prosegue il trial DiRECT, sarà interessante vedere quanti membri del gruppo riusciranno a mantenere il loro successo nella perdita di peso. Per ora almeno, è chiaro che molte vite sono state cambiate.


Ho avuto il diabete di tipo 2 per due o tre anni prima dello studio, assumevo vari farmaci che aumentavano costantemente e stavo diventando sempre più malato ogni giorno”dice Isobel Murray, di 65 anni, del North Ayrshire, che non ha esitato quando è stata invitata a partecipare al processo.

“Quando i medici mi hanno detto che il mio pancreas stava funzionando di nuovo, è stato fantastico, assolutamente incredibile. Non penso più a me stesso come a un diabetico … sono uno dei fortunati ad essere andato in remissione”. I risultati sono riportati su The Lancet .

In Italia si parlava già di dieta che mima il digiuno 

Come riportava l’Adnkronos, infatti, uno studio condotto in topi e cellule umane, pubblicato su ‘Cell‘ dal team dello scienziato in forze alla University of Southern California di Los Angeles e all’Istituto Firc di oncologia molecolare-Ifom di Milano dimostra che cicli di dieta mima digiuno-Dmd sono in grado di riprogrammare le cellule del pancreas deputate a fabbricare l’insulina, riportandole a uno stadio simile a quello embrionale e ripristinando la produzione dell’ormone controlla-zuccheri. Nei roditori diabetici, 4 giorni a settimana di Dmd hanno ripristinato una produzione normale di insulina, riducendo i sintomi della malattia del sangue dolce. E la speranza è che il regime alimentare simil-digiuno possa alleviare il diabete anche nell’uomo.

Alternare ciclicamente una dieta che mima il digiuno con una normale – riassume Longo – ha essenzialmente riprogrammato le cellule che non producono insulina in cellule che la producono. Attivando la rigenerazione delle cellule pancreatiche, siamo stati in grado di migliorare lo stato di salute dei topi affetti da diabete di tipo 1 e di tipo 2 in stadio avanzato, e anche di riattivare la produzione di insulina nelle cellule pancreatiche umane da pazienti con diabete di tipo 1“.

 

La ricerca è l’ultima di una serie di studi che indicano le potenzialità della Dmd contro varie patologie: dal cancro alle cardiopatie, dalle malattie dell’invecchiamento alla sclerosi multipla. Lo schema alimentare riproduce gli effetti del digiuno con sola assunzione di acqua. In altre parole si mangia, ma è come se si bevesse soltanto.

Nel diabete di tipo sia 1 (giovanile) sia 2 (adulto) – spiegano dall’Ifom – il pancreas perde le cellule beta che producono insulina, il che porta fuori controllo i livelli zucchero nel sangue. Negli esperimenti condotti sui topi, Longo e colleghi hanno da un lato simulato il diabete di tipo 1 somministrando ai roditori alte dosi di streptozotocina, molecola che uccide le cellule produttrici di insulina. Dall’altro hanno studiato topi malati di diabete 2 a causa di una mutazione nel gene Lepr dell’insulina, caratterizzati da resistenza insulinica ed eventuale perdita di produzione di insulina.

In entrambi i casi gli animali diabetici sottoposti a Dmd per 4 giorni alla settimana, anche in stadio avanzato di malattia hanno ripristinato la produzione di insulina normale, ridotto la resistenza all’insulina e mostrato valori glicemici più stabili. Le analisi hanno rilevato che, durante l’alternanza Dmd-dieta normale, geni normalmente attivi nel pancreas in fase di sviluppo di topi allo stadio embrionale si riattivano nei topi adulti diabetici. Questo aumenta la produzione di una proteina implicata nello sviluppo delle cellule endocrine pancreatiche, la neurogenina-3 (Ngn3), e di conseguenza promuove la creazione di nuove cellule beta sane che producono insulina.

Oltre a questo test in vivo sui topi, gli scienziati hanno condotto anche analisi in vitro su cellule umane. Hanno esaminato cellule pancreatiche in coltura prelevate da donatori umani, scoprendo come nelle cellule da pazienti con diabete di tipo 1 i nutrienti che imitano il digiuno aumentano anche l’espressione della proteina Ngn3 e la produzione di insulina. I risultati suggeriscono dunque come una dieta che simula il digiuno possa alleviare il diabete negli esseri umani.

“Una quantità crescente di evidenze indica che la Dmd sia vantaggiosa in diversi contesti patologici”, ricordano dall’Ifom. Uno studio pubblicato su ‘Science Translational Medicine’ sempre dall’équipe di Longo ha dimostrato che “la Dmd riduce il rischio di cancro, diabete, malattia cardiologica e altre malattie legate all’invecchiamento, in un trial clinico su 100 pazienti che avevano seguito la dieta per soli 5 giorni ogni 3 mesi”. E studi precedenti avevano indicato la potenzialità della Dmd di “alleviare i sintomi della sclerosi multipla, aumentare l’efficienza della chemioterapia per i trattamenti di cancro e ridurre il grasso viscerale“.

Queste scoperte giustificano uno studio più ampio sull’uso della Dmd per il trattamento di pazienti diabetici umani” – commentava Longo all’Adnkronos – “Ci auguriamo che un giorno le persone affette da diabete possano essere trattate clinicamente con una Dmd per alcuni giorni al mese, mantenendo una dieta normale per il resto del tempo, e di osservare risultati positivi nella capacità di controllare i loro livelli di zucchero nel sangue sia attraverso la produzione di livelli di insulina normali sia migliorando la funzione dell’insulina. Uno dei nostri obiettivi per applicare questa scoperta alla ricerca sul cancro – conclude lo scienziato – è quello di capire se i cicli di Dmd sono in grado di eliminare le cellule danneggiate da chemioterapia o da nuove terapie oncologiche, e stimolare la riprogrammazione per rigenerare i tessuti e gli organi danneggiati”.

Fonte: www.globochannel.com

Seguici su: Pinterest

CONTINUA A LEGGERE >>

_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere



Source link

  • Add Your Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: