La NASA censura le immagini delle “Tre Torri” artificiali visibili su Marte


Marte è pieno di sorprese e la nostra comprensione di questo mondo misterioso cresce ogni giorno con l’aiuto di interessanti scoperte come la seguente. Tre Torri artificiali su Marte sarebbero solo un’altra aggiunta alla lunga lista di enigmi che catturano sabbia sul nostro vicino planetario.

Le tre torri sono presenti in un video caricato dal canale YouTube mundodesconocido e analizzato dal ricercatore Jose Luis Camacho. Vi consigliamo vivamente di attivare i sottotitoli e dargli una occhiata. Ma affrettatevi, perché queste controverse scoperte tendono a essere rapidamente censurate. Ma prima di vedere il video sotto, vediamo di cosa si tratta.

Immagine correlata

Risultati immagini per Three huge towers in Mars

In una recente ricerca che è stata eseguita sulle immagini di Marte, tratte dalla sonda spaziale Mars Global Surveyor, che è riuscita a mappare la superficie di Marte dal 1997 al 2006 prima di perdere definitivamente i contatti con la NASA-JPL di Pasadena, sono state trovate delle anomalie.

In una delle immagini della NASA, stranamente non più disponibile (http://www.msss.com/moc_gallery/ab1_m04/images/M0001661.html)  tratta appunto dalla sonda MGS (Mars Global Surveyor), si possono osservare misteriose strutture di origine ignota. Questa volta le strutture ignote, sono diverse dalle altre. Ciò che è stato trovato nella zona di Marte chiamata “Terra Meridiani“, è qualcosa di incredibile, ovvero, una serie di enormi torri che per le loro caratteristiche peculiari, sembrano essere di evidente origine artificiale. Le torri marziane dovrebbero avere un’altezza stimata di circa 1000-1500 mt.

Risultati immagini per Three huge towers in Mars

E’ stato proprio il ricercatore Jose Luis Camacho ha scoprire le enormi torri sulla superficie marziana. Come detto sopra, ciascuna delle tre torri è alta quasi un miglio .Questa sarebbe un’impresa di architettura molto impressionante considerando che l’edificio più alto della Terra è solo la metà di questa dimensione. Google ha utilizzato i dati del Mars Global Surveyor (MGS) e del suo strumento fotografico. L’immagine specifica che mostra le torri è stata catturata nel 1999, quindi molto potrebbe essere cambiato nei quasi due decenni trascorsi da allora.

Immagine correlata

Le torri marziane si trovano in una regione conosciuta come Terra Meridiani e per coincidenza o no, quell’esatta regione fu scelta come punto di atterraggio per il Rover Curiosity della NASA. Ma quando la posta in gioco è letteralmente così alta, non c’è spazio per le coincidenze. Immagina semplicemente il rover che lascia tracce alla base di queste torri o la conoscenza che potrebbe essere raccolta se una missione con equipaggio avesse mai avuto la possibilità di esplorare qualunque siano le cosiddette torri.

Immagine correlata

La posizione delle torri sembra essere stata scelta appositamente per la sua posizione equatoriale. È ovvio che gli antichi marziani avrebbero potuto contare anche sull’energia solare, anche se erano più lontani dal Sole. E quale posto migliore per ottenere la luce solare rispetto all’equatore?

A parte le pianure circostanti, le torri sembrano aver resistito alla prova del tempo. Questo potrebbe essere considerato un testamento per la competenza dei loro costruttori o potrebbe anche significare che le torri sono ancora in uso. È inutile erigere qualcosa di così maestoso come questi grattacieli marziani e poi abbandonarli. Se c’è ancora qualcuno che si trova su Marte, questa è una delle prove deeterminanti e non è un caso che la NASA ha fatto sparire le immagini di questa zona, appunto dove sono visibili le Torri Marziane.

A cura della Redazione Segnidalcielo



Source link

  • Add Your Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: