Brevetto della NASA descrive la creazione di un “Sole Artificiale”


Questo brevetto della NASA degli anni ’60  descrive una stella artificiale, alimentando improvvisamente la convinzione che i due soli che vediamo spesso in molti video,  potrebbero essere più che una finzione.

Devo ammettere che, ogni volta che mi sono imbattuto in un video di “due Soli”, di solito l’ho ignorato a causa dell’elevata probabilità di essere un riflesso dovuto alle lenti dell’apparato fotografico o qualche altro trucco per fare moneta su You Tube. Ma ora devo ammettere che il mio meccanismo di autodifesa all’interno del mio cervello mi ha fatto ignorare questa questione che, sorprendentemente, potrebbe essere tanto reale quanto le persone pretendono di essere.

Risultati immagini per Two Suns - Fake, Artificial, Hexagonal Sun, Seen in Ireland

Guardando nel campo dei brevetti della NASA,  era stato approvato nel 1966  un sistema artificiale illuminante e mi ha fatto riconsiderare la teoria dei “due Soli”. Si vero, spesso e volentieri si tratta di riflessi, ma se questi riflessi fossero creati artificialmente?

Questo brevetto, che per altro è di oltre cinque decadi, riguarda la creazione di un sole artificiale capace di illuminare la maggior parte, se non l’intero globo, allo stesso modo in cui il nostro sole REALE fa in questo momento. Il concetto è stato considerato come “un sistema di illuminazione” inteso a creare “una sola sorgente virtuale” di luce.

Ma perché avremmo bisogno di un riflettore artificiale alimentato dal nostro Sole? Quale applicabilità ha questo brevetto? Si potrebbe considerare un’invenzione così innovativa di uso pratico per i suoi utenti o beneficiari, ma questo aspetto è stato abilmente schiacciato da questo brevetto della NASA che si concentra solo sulla sua funzionalità. Diamo un’occhiata a alcuni di questi argomenti trattati nel documento:

In un sistema di simulazione del sole, è desiderabile fornire mezzi per variare l’intensità dell’illuminazione su un’ampia gamma senza modificare la distribuzione spettrale dell’illuminazione, in modo che il simulatore possa essere utilizzato per simulare non solo la luce del sole, ma anche la luce terrestre e il chiaro di luna.

In altre parole, il riflettore artificiale dovrebbe essere regolato in un modo che possa simulare non solo la luce del sole, ma anche la luce naturale della terra e della luna.

Diamo ora un’occhiata a pochi degli obiettivi che questa invenzione sta cercando di raggiungere:

... per fornire un nuovo sistema di illuminazione particolarmente adatto per essere utilizzato come simulatore solare in combinazione con una camera di prova ambientale; per fornire un nuovo sistema di illuminazione di questo tipo in cui le sorgenti luminose reali possono essere posizionate esternamente dalla camera di prova e le loro uscite luminose dirette in una camera di prova attraverso una finestra relativamente piccola; per fornire un sistema di illuminazione di questo tipo che sia di costruzione relativamente semplice e robusta e affidabile e conveniente in funzione “.

Sono passati quasi sei decenni dal momento che il brevetto era stato approvato e sembra che questa idea si sia già rivolta alla realtà. Ci sono abbondanti prove che mostrano ora i Soli artificiali di una forma esagonale innaturale durante l’alba o all’alba. Il sole REALE è anche visibile sullo sfondo, di solito ha proporzioni molto inferiori a quelle artificiali.

Immagine correlata

L’intero concetto si basa sugli schemi di questo brevetto della NASA: il vero sole che alimenta questo enorme riflettore nel cielo da dietro, permettendo così di riflettere la luce del sole. Ecco un esempio così vivo:

Potrei giurare che questo era un lens flare dalle lenti della telecamera a meno che non avessi visto questo brevetto messo a disposizione dalla NASA, ora questa ipotesi può essere rivista. Questo doppio sole ha una forma esagonale e dimensioni maggiori rispetto al solito. Per avere un quadro chiaro in mente, qui ci sono gli schemi dell’invenzione, così come il loro significato:

 

Poiché il documento non parla di nessuna particolare utilità della presente invenzione, possiamo facilmente collegarla a alcuni sospetti che recentemente sono stati raccolti riguardo agli aerosol artificiali (scie chimiche o chemtrails) che vengono sparsi nell’atmosfera per aiutare (dicono loro..) a contrastare il riscaldamento globale … almeno questa è la spiegazione presentata dal direttore della CIA John Brennan durante un recente discorso … un buon modo di avvolgere ed eludere la parola “chemtrails”, anche perchè esistono documenti che attestano come la ricaduta di queste sostanze irrorate sia molto pericolosa, diffusa e inquinante, tale da essere nociva per tutti.

Immagine correlata

Il motivo per cui questi esperimenti sono eseguiti lo sappiamo in generale, oltre all’idea che i governi che ci avvelenano attraverso tutti gli strati dell’ambiente – che a proposito è un po ‘confuso – perché siamo tutti residenti dello stesso pianeta e senza discriminazione.. esposti alle stesse minacce ambientali, alcuni hanno suggerito che il governo sta terraformando la Terra per far posto a una nuova specie ibrida.

Risultati immagini per human hybrids

Con l’aumento dell’intelligenza artificiale, delle bande neurali, della tecnologia di modifica del gene CRISPR disponibile su larga scala e di molti sogni bagnati di diventare cyborg, l’idea di cui sopra sta prendendo forma. Gli esseri umani hanno reso possibile ciò che decenni fa si è ritenuto impossibile e come l’agenda globale sta avanzando, sembra che stanno facendo strada a una nuova specie di esseri umani, una specie ibrida rafforzata con aggiornamenti tecnologici e con una mente che a cui non appartengano più . Ma questa è solo una pura speculazione, finché non si trasformerà in realtà e le masse non avranno più alcun potere per rovesciare il male che è stato fatto. Io però spero per il bene. Può sembrare che tutto questo sia solo una cospirazione degna di un cappellino.  Ma se poi dietro questo brevetto si nascondono altre realtà come quella della futura comparsa del secondo Sole chiamato NEMESIS oppure del famoso pianeta NIBIRU?  Il brevetto NASA STAR è accessibile qui: LINK

Di Miguel Hernandes Jr

Per Redazione Segnidalcielo

Riproduzione riservata © Copyright 2017-Segnidalcielo



Source link

  • Add Your Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: